Napoli. ‘Strane Coppie’ diventa Festival sabato 17 e domenica 18 al Monastero delle Trentatré

La quattordicesima edizione della rassegna culturaleideata e condotta dalla scrittrice Antonella Cilento per due intere giornate al Monastero delle Trentatré a Napoli, con letteratura, musica live e laboratori sul tema del viaggio. Altri due appuntamenti a ottobre e novembre.

Sabato 17 e domenica 18 settembre, dalle ore 10 alle 21, al Monastero delle Trentatré a Napoli (via L. Armanni, 16) due intense giornate di incontri di letteratura, musica dal vivo e laboratori esperienziali nel programma della quattordicesima edizione di “Strane Coppie”, che quest’anno si presenta nella nuova forma di festival, con tema il viaggio (www.lalineascritta.it, ingresso libero, prenotazione consigliata per laboratori).

Ideato e coordinato dalla scrittrice Antonella Cilento e organizzato da Lalineascritta Laboratori di scrittura, il Festival presenta per la letteratura, sabato ore 11 l’incontro su La musica del sogno su Giacomo Puccini e la scrittura dei suoi librettisti, con Marta Morazzoni e Paolo Coletta, letture di Fabio Cocifoglia.

Tre incontri, domenica: Visioni, su Massimo Bontempelli e E.T.A. Hoffmann con Marinella Mascia Galateria e Giuseppe Montesano, letture di Orlando Cinque e musiche di Francesco D’Errico.

Si prosegue con Fantascienza e fantastico al femminile, su Silvina Ocampo e Ursula K. Le Guin, con Laura Bosio e Giuliana Misserville, letture di Gea Martire e musiche di Paolo Coletta.

Infine, Scienza, memoria&storia dedicato agli scrittori Javier Cercas, Daniel Kehlmann, Benjamin Labatut, Georgi Gospodinov con Bruno Arpaia e Demetrio Paolin, letture di Fabio Cocifoglia e musiche di Paolo Coletta.

Tre i concerti che si terranno nel weekend. Si segnala in particolare quello su repertorio di Massimo Bontempelli, scrittore e compositore le cui opere musicali non vengono eseguite dal vivo da circa 80 anni. Strane Coppie sarà quindi un’occasione unica, domenica ore 20, per ascoltare lo speciale concerto di Francesco d’Errico al pianoforte e Tommaso Rossi al flauto. Altri due concerti previsti sabato: ore 12.30, con Paolo Coletta al pianoforte e Daniela Fiorentino, voce, e alle ore 20, quello di Francesco D’Errico Trio, con Marco de Tilla al contrabbasso e Marco Fazzari alla batteria.

In programma anche 6 laboratori esperienziali di scrittura, segno, colore, drammaturgia, quelli di lettura dedicati al romanzo contemporaneo tedesco e spagnolo, e meditazione, quest’ultimo con la sociologa Rosaria Maglio Aditi e della esperta in meditazione Titti Capezzuto Ma Dyan Leela.

Il Festival proseguirà con altri due appuntamenti nei mesi di ottobre e di novembre.

Strane Coppie in Festival è  realizzato con il contributo di Banco BPM, Goethe Institut e Instituto Cervantes, con il sostegno di Atrio delle Trentatré Onlus, Chiaja Hotel de Charme, Ubik, Accademia di Belle Arti di Napoli e Università “Orientale” di Napoli.

La manifestazione aderisce al progetto Arte salva Arte. Teatro, prosa e musica a sostegno dell’arte promosso da Atrio delle Trentatré Onlus, con cui si finanzierà il restauro di un dipinto di Giuseppe Bonito (1700) presente nel Monastero napoletano.

ll programma di sabato 17 e domenica 18 settembre 2022

Incontri di letteratura – Tutti gli incontri sono gratuiti e aperti al pubblico e si terranno nella Sala Maria Lorenza Longo, Atrio delle Trentatré, Via Armanni 16

Sabato 17 settembre h 11-12: La musica del sogno
Puccini&Librettisti, ovvero Giacosa e Illica, Praga, Adami…

Questo primo incontro di Strane Coppie in festival 2022 riguarderà la straordinaria e immortale musica di Giacomo Puccini e la scrittura dei suoi librettisti, da Marco Praga a Giuseppe Giacosa, da Luigi Illica a Giuseppe Adami, fini co-autori di capolavori del viaggio esotico/fantastico, che abita l’immaginazione fin de siècle sulla soglia dell’incontro con il Giappone e l’Asia: da Madama Butterfly a Turandot, la storia di capolavori immortali e sempre amati e i retroscena della composizione. Come si passa dalla parola alla musica e come la musica chiede alla parola di raccontare? Un incontro di pregio che segue l’edizione 2021 di Strane Coppie, tutta dedicata al rapporto fra letteratura e musica, dove già si raccontò di Mozart e Da Ponte. Tornano alcuni dei protagonisti dello scorso incontro, la voce straordinaria di Marta Morazzoni, scrittrice finissima, due volte Premio Campiello e Premio Campiello alla carriera, e Paolo Coletta, compositore, direttore d’orchestra, regista, drammaturgo e attore.
Coordina l’incontro Antonella Cilento, scrittrice, ideatrice di Strane Coppie e presidente de Lalineascritta Laboratori di Scrittura. Letture di Fabio Cocifoglia e musica di Paolo Coletta.

Sabato 18 settembre h 11-12: Visioni
Massimo Bontempelli & E.T. A. Hoffmann

Il secondo appuntamento di Strane Coppie in festival 2022 si concentrerà sul viaggio fantastico, allucinato e soprannaturale, del realismo magico di un grande classico del Novecento italiano ingiustamente dimenticato, Massimo Bontempelli, in questi anni fresco di ristampa per i tipi della casa editrice milanese Utopia. Letteraria Europea, messo a confronto con un grande classico della letteratura tedesca, E. T. A. Hoffmann.

Come nel precedente incontro, letteratura e musica s’incontreranno: tanto Bontempelli quanto Hoffmann, infatti, furono compositori, oltre che scrittori e, nel caso di Bontempelli, anche drammaturgo e compositore di musiche per la scena.

Poligrafo inesauribile, Bontempelli fu dunque romanziere, drammaturgo per la scena e per la radio, scrisse spesso le colonne sonore dei suoi stessi spettacoli.

Così, Hoffmann, indimenticabile autore de Gli elisir del diavolo, dei Racconti notturni, maestro ispiratore del concetto di perturbante tratteggiato in seguito da Freud, fu anche abilissimo e prolifico compositore, mentre le sue novelle rivivono per sempre nella riformulazione operistica di Jacques Offenbach.

Un incontro dedicato quindi a riscoprire le radici notturne e oniriche della scrittura fantastica sulla soglia fra Otto e Novecento ma anche alle partiture di Hoffmann e Bontempelli.

A raccontare i due maestri ci saranno Marinella Mascia Galateria, docente di Letteratura italiana moderna e contemporanea a La Sapienza, specialista del romanzo del primo Novecento, curatrice delle opere di Bontempelli e delle attuali ristampe e dell’opera di sua moglie, la scrittrice Paola Masino; Giuseppe Montesano, scrittore, critico e traduttore, fra le più importanti voci della narrativa napoletana a livello europeo, autore fra l’altro di due libri indispensabili, Lettori selvaggi e Baudelaire è vivo (Giunti).

Coordina l’incontro Antonella Cilento. Letture di Orlando Cinque, musica di Francesco d’Errico.

Domenica 18 settembre h 12-13: Fantascienza e fantastico al femminile
Ursula K. LeGuin & Silvina Ocampo

Una puntata di Strane Coppie tutta al femminile. Dal fantastico al fantasy alla fantascienza, due maestre: l’argentina Silvina Ocampo, scrittrice amatissima da J.L. Borges, che con lei e Adolfo Bioy Casares realizzò la celebre Antologia della letteratura fantastica, autrice di racconti di culto pubblicati per la prima volta in Italia da Italo Calvino, e l’americana Ursula K. Le Guin, vincitrice del Premio Nebula, molte volte adattata in formato cinematografico e recentemente scomparsa.

A raccontare Silvina Ocampo interverrà Laura Bosio, scrittrice, finalista Premio Strega, editor. A raccontare Ursula K. Le Guin sarà invece Giuliana Misserville, critica letteraria femminista, cofondatrice della Società Italiana delle Letterate (SIL). Coordina l’incontro Antonella Cilento. Letture di Gea Martire, musiche di Paolo Coletta.

Domenica 18 settembre h 18-19: Scienza, memoria&storia. Quattro scrittori (Germania, Cile, Bulgaria e Spagna)

Una puntata di Strane Coppie tutta dedicata a scrittori viventi e autorevoli della letteratura contemporanea internazionale ovvero lo spagnolo Javier Cercas, scrittore, saggista, giornalista, specialista di letteratura non-fiction che in molti suoi romanzi (ricordiamo Soldati a Salamina e Anatomia di un istante) esplora le contraddizioni de la Storia spagnola recente; il tedesco Daniel Kehlmann, autore de La misura del mondo, che narra del matematico Gauss e dell’esploratore Humboldt e il cileno Benjamin Labatut che con Quando abbiamo smesso di capire il mondo esplora il lato oscuro della scienza e della vita dei celebri scienziati, il bulgaro Georgi Gospodinov, di recente insignito anche del premio Strega Europeo: qual è il confine contemporaneo di scienza, memoria e Storia?

Quattro scrittori che in anni recenti hanno restituito ai lettori la complessità dei generi letterari con acuta capacità nel fotografare l’incerto e allucinato viaggio del nostro presente.
A raccontarli, Bruno Arpaia, scrittore e traduttore, e Demetrio Paolin, scrittore, insegnante, docente di scrittura.
C

oordina l’incontro Antonella Cilento, scrittrice, ideatrice di Strane Coppie e presidente de Lalineascritta Laboratori di Scrittura. Letture di Fabio Cocifoglia, musiche di Paolo Coletta.

I laboratori di Strane Coppie 2022 – Tutti i laboratori sono gratuiti e aperti al pubblico ma è gradita prenotazione: info@lalineascritta.it

Sabato 17 settembre h 10-11: Il viaggio del cuore – meditazione en plein air

Una meditazione per entrare negli spazi del cuore e viaggiare nella consapevolezza del sentire per accogliere e incontrare realizzata con Rosaria Maglio Aditi, sociologa e trainer, esperta in Voicing ©, Mindfulness e tecniche di meditazione per la crescita e lo sviluppo personale, e Titti Capezzuto Ma Dyan Leela, esperta in tecniche di respirazione, massaggio e meditazione e dal 2015 allieva dell’Osho Shamanic School.

Sabato 17 settembre h 15-16: L’immagine parlante

Un assaggio del percorso che da molti anni Iole Cilento, artista, scenografa e docente all’Accademia di Belle Arti di Napoli, propone per Lalineascritta: in quest’occasione dedicato al viaggio in ogni sua forma, il laboratorio stimolerà visioni e percezioni, lavorerà col segno ed il colore, l’inquadratura e il gesto, su tutto quanto può rendere un’immagine parlante.

Sabato 17 settembre h 16,30-17,30: Viaggio attraverso il romanzo contemporaneo tedesco e spagnolo

Primo appuntamento con il laboratorio di lettura curato dagli allievi de Lalineascritta Laboratori di Scrittura dedicato a scrittrici e scrittori di lingua spagnola e tedesca ovvero Ricardo Menéndez Salmón, Non andartene docile in quella buona notte, Sara Mesa, Un amore, Almudena Grandes, la figlia ideale, Anja Kampmann, Dove arrivano le acque, Sharon Dodua Otoo, Stanza per Ada, Ingo Schulze, La rettitudine degli assassini.

A condurre il laboratorio, Domenico Esposito, lettore ed esperto di sintassi, cura per Lalineascritta laboratori e comunicazione, Claudia Moschetti, redattrice di magazine letterari e bookblogger, Michela Panichi, vincitrice del Premio Campiello Giovani 2020.
 
Domenica 18 settembre h 10-11,30: Laboratorio di scrittura, meditazione e arti visive

Un assaggio di una delle formule più antiche dei laboratori de Lalineascritta in cui le arti si fondono e integrano: meditare, disegnare e scrivere. Il corpo in gioco con tutte le sue percezioni, emozioni e vibrazioni calato nell’immediata registrazione del segno e del colore e nella sua trasformazione in parola narrata.

Nulla più dell’atto creativo si configura come viaggio interiore e fisico: quanto tempo impieghiamo a percepire e quanto a riprodurre la percezione: cosa accade se siamo nel presente assoluto dell’atto sentito dell’invenzione. A volte, in pochi minuti d’orologio si riavvolge un’esistenza e si dipanano romanzi ma per scrivere disegnare inventare spesso serve un’intera esistenza.

A condurre questo laboratorio Antonella Cilento, Iole Cilento, artista, scenografa e docente dell’Accademia di Belle Arti di Napoli, Rosaria Maglio Aditi sociologa e trainer, esperta in Voicing ©, Mindfulness e tecniche di meditazione per la crescita e lo sviluppo personale.

Domenica 18 settembre h 15-16: Laboratorio di drammaturgia

Ecco un’occasione per provare il laboratorio di drammaturgia e scrittura per la scena che Lalineascritta propone da oltre un decennio: cosa distingue la narrativa dalla scrittura per il teatro? E come si trasforma una narrazione in drammaturgia?

Nessun luogo è tanto capace di spostarsi nel tempo e nello spazio, e di farci viaggiare stando seduti, come il palcoscenico: un assaggio di quel che serve per viaggiare con personaggi, azioni e parola. A condurre, Stefania Bruno, dottoressa di ricerca in Storia del teatro moderno e contemporaneo, drammaturga e formatrice.

Domenica 18 settembre h 16,30-17,30: Viaggio attraverso il romanzo contemporaneo tedesco e spagnolo

Secondo appuntamento con il laboratorio di lettura curato dagli allievi de Lalineascritta Laboratori di Scrittura dedicato a scrittrici e scrittori di lingua spagnola e tedesca ovvero Ricardo Menéndez Salmón, Non andartene docile in quella buona notte, Sara Mesa, Un amore, Almudena Grandes, la figlia ideale, Anja Kampmann, Dove arrivano le acque, Sharon Dodua Otoo, Stanza per Ada, Ingo Schulze, La rettitudine degli assassini.

A condurre il laboratorio, Domenico Esposito, lettore ed esperto di sintassi, cura per Lalineascritta laboratori e comunicazione, Claudia Moschetti, redattrice di magazine letterari e bookblogger, Michela Panichi, vincitrice del Premio Campiello Giovani 2020.

I concerti – Gratuiti e aperti al pubblico, si terranno nella Sala Maria Lorenza Longo, Atrio delle Trentatré, Via Armanni 16

Sabato 17 settembre h 12,30 | In te ravviso
Paolo Coletta, pianoforte | Daniela Fiorentino voce

Sabato 17 settembre h 20-21 | Francesco D’Errico Trio
Francesco d’Errico, pianoforte | Marco de Tilla, contrabbasso | Marco Fazzari, batteria
 
Domenica 18 settembre h 20-21 | Francesco d’Errico e Tommaso Rossi Duo
Francesco d’Errico, pianoforte | Tommaso Rossi, flauto

(Brunella Bianchi, Ufficio stampa – Comunicato – Elaborato – Archiviato in #TeleradioNews © Diritti riservati all’autore)

Napoli. ‘Strane Coppie’ diventa Festival sabato 17 e domenica 18 al Monastero delle Trentatré