Steam, saldi d’autunno: le piccole perle da non perdere

L’imbarazzo della scelta diventa vero e proprio senso di disorientamento quando si ha a che fare con i saldi di Steam, considerando che coinvolgono letteralmente migliaia di titoli e che diventa alquanto difficile riuscire a individuare precisamente cosa meriti acquistare quando così tanti giochi vengono proposti a prezzo ridotto. Anche qui, al massimo possiamo fornire delle indicazioni, perché su numeri del genere tutto quello che si può fare è una selezione molto limitata, ma che può fornire qualche possibile suggerimento.

In questo caso ci concentriamo in particolare su una raccolta di piccole perle e giochi indie che, essendo meno pubblicizzati, potrebbero facilmente sfuggire in mezzo all’enorme massa di sconti messi in campo da Steam per questi saldi d’autunno. Non si tratta ovviamente di titoli totalmente sconosciuti, ma dopo aver fatto una selezione dei giochi da non perdere tenendo in considerazione un pubblico più ampio possibile, in questo caso andiamo a ricercare esperienze un po’ più particolari, cercando ancora di pescare tra generi quanto più diversi possibile.

Slay the Spire

Slay the Spire, un’immagine che mischia RPG, deck building e roguelike

Iniziamo con quello che è diventato ormai un vero e proprio classico, che tuttavia potrebbe ancora non essere stato giocato dalla quantità di persone che si meriterebbe: Slay the Spire può essere acquistato per una manciata di euro in questi saldi autunnali e sarebbe folle non approfittarne. Si tratta di uno dei primi titoli ad aver proposto la meccanica ibrida fra gioco di carte e roguelike che è diventata poi un vero e proprio sotto-genere ormai sedimentato, ma si può pensare che buona parte delle idee originali provengano proprio dal titolo di Mega Crit Games, che ha codificato la strana idea in una forma perfettamente studiata ed equilibrata. Ci sono dentro suggestioni diverse ma che funzionano in perfetto accordo: l’RPG nelle caratteristiche differenti di ogni personaggio, il deck building formato da carte ben studiate e amalgamate fra loro ed elementi tipici dei roguelike, come il permadeath e l’ambientazione cangiante con percorsi differenti. Oltre a tutto questo, Slay the Spire conta anche su un notevole carisma dato dalla caratterizzazione ironica.

Link: Slay the Spire su Steam

Norco


Un'immagine che mostra la Louisiana cyberpunk di Norco
Un’immagine che mostra la Louisiana cyberpunk di Norco

Andare a pescare nella marea di avventure grafiche su Steam è sempre cosa ardua: incrociando le varie caratteristiche richieste, tra le offerte spicca Norco.Si tratta di un’avventura grafica punta e clicca contraddistinta da una strana ambientazione e una storia complessa, tutta rappresentata con una meravigliosa grafica in pixel art che mischia elementi psichedelici e fantascientifici. Norco viene considerato un gioco afferente allo stile “gotico del sud”, definizione che inquadra una particolare visione oscura legata alle tradizioni folkloristiche di alcuni stati del sud degli USA come la parte meridionale della Louisiana. Nel caso di Norco, questa particolare atmosfera viene ulteriormente filtrata attraverso l’ambientazione fantascientifica con elementi cyberpunk, a creare un misto davvero originale e interessante. In questa avventura, che fa del richiamo al classicismo videoludico la sua cifra stilistica ma reinterpretandone gli stilemi in maniera originale, ci troviamo a dover cercare il fratello del protagonista, scomparso nei pressi di una New Orleans del futuro, finendo all’interno di una storia veramente strana.

Link: Norco su Steam

Moon: Remix RPG Adventure


Moon: uno screenshot che mostra la particolare e
Moon: uno screenshot che mostra la particolare e “antica” grafica tra 2D e 3D

A 25 anni di distanza dalla sua uscita originale, Moon resta un gioco di culto che, nonostante sia finalmente arrivato anche in occidente, difficilmente riesce a conquistare grande spazio nel panorama videoludico. Per questo motivo, la sua presenza tra gli sconti di Steam potrebbe essere il giusto stimolo per provare a lanciarsi in questo stranissimo e affascinante mondo, creato da alcuni ex-dipendenti di Square con il preciso intento di creare un anti-JRPG. L’idea alla base di Moon è mettere in scena il “dietro le quinte” dei mondi in cui si ambientano i giochi di ruolo: il protagonista della storia non è chiamato a prendere parte a quest epiche e sconfiggere terribili mostri, ma a raccogliere diffondere amore nello strano mondo in cui si ritrova risucchiato dopo aver giocato a un RPG sulla propria console. È un’esperienza davvero molto bizzarra: dalle ermetiche meccaniche del gameplay tutte da capire alla rappresentazione che mischia elementi 2D e 3D, Moon è il prodotto di un eclettismo estroso che risulta in un gioco assolutamente senza eguali, che consigliamo a chiunque abbia voglia di qualcosa di diverso dal solito.

Link: Moon: Remix RPG Adventure su Steam

The Forest


Natura incontaminata e orrore, gli ingredienti di The Forest
Natura incontaminata e orrore, gli ingredienti di The Forest

Con questi saldi, The Forest viene letteralmente lanciato nel groppone degli utenti, visto che viene via al prezzo di una colazione al bar, e sarebbe un peccato non approfittarne. Certo, la sua atmosfera opprimente e la meccanica da survival puro con pesante aggiunta di horror potrebbe non essere proprio per tutti, ma ci sono diversi motivi per cui è diventato così popolare tra gli utenti PC. Dopo un incidente aereo, ci ritroviamo in una remota penisola misteriosa, alla ricerca di riparo, mezzi di sostentamento e soprattutto di nostro figlio, che è stato rapito da personaggi misteriosi. Quello che inizia come un survival piuttosto standard, immerso nella natura più o meno incontaminata, diventa poi un incubo con elementi sovrannaturali quando, di notte, avvengono i primi incontri con le creature mutanti e cannibali che risiedono nell’area e dalle quali dovremo difenderci costantemente. The Forest alterna così elementi tipici del survival a momenti di puro horror, ma il bello è che riesce a presentare tutti crismi del tipico gioco di sopravvivenza insieme a un’interessante progressione con elementi narrativi, che fornisce un vero e proprio scopo all’avventura.

Link: The Forest su Steam

Teardown


Demolizione assortita in una scena di Teardown
Demolizione assortita in una scena di Teardown

Può la distruzione essere creativa? Sì, se ci si trova dentro a Teardown, altro titolo diventato un vero e proprio fenomeno nell’ambito di Steam, con numerosi utenti ingabbiati dalla sua particolare struttura. Anche in questo caso si tratta di un ibrido particolarmente riuscito di elementi ben consolidati, ma mischiati insieme in modo da realizzare qualcosa di completamente nuovo: un action puzzle sandbox che ha la distruzione come elemento d’interazione principale con il mondo di gioco. Con la nostra compagnia di distruzioni finanziariamente in crisi, ci troviamo a dover accettare lavori moralmente discutibili fino a prendere parte a vere e proprie rapine, in cui l’elemento centrale è però la fuga, da pianificare attentamente attraverso una scientifica distruzione di elementi di scenario per creare i percorsi più veloci. Per consentire questo tipo d’interazione, Teardown si basa su un engine proprietario sorprendentemente sofisticato, che consente di applicare una distruzione realistica a edifici e ambientazioni in voxel, in maniera per nulla facile da trovare altrove nel panorama videoludico.

Link: Teardown su Steam

OlliOlli World


OlliOlli World, un'immagine del suo strano mondo a base di skateboard
OlliOlli World, un’immagine del suo strano mondo a base di skateboard

Partito come un semplice platform 2D con elementi endless runner, OlliOlli si è evoluto in maniera esponenziale arrivando fino a OlliOlli World, che si presenta come una vera e propria avventura in forma di platform, ancora impostata su un gameplay sostanzialmente bidimensionale ma rappresentato con un ricco impianto in 3D, che non rinuncia comunque all’originale caratterizzazione cartoonesca. OlliOlli World è ancora un gioco di skateboard ma assurge a una nuova dimensione, come una sorta di viaggio tutto incentrato sulla tavola con ruote ma arricchito di missioni da svolgere e folli personaggi da incontrare, fino a raggiungere delle vere e proprie divinità dello skate. Il lungo cammino verso il “Gnarvana” ci porta a esplorare il mondo di Radlandia attraverso molteplici percorsi, scegliendo tra strade diverse ma soprattutto cercando di esprimere al massimo la nostra personalità attraverso lo stile acrobatico e i trick, perché in questa strana dimensione tutto è incentrato sull’esibizione sopra la skateboard, in un’incredibile epopea sulla tavola.

Link: OlliOlli World su Steam

Satisfactory

Nonostante sia ancora in accesso anticipato, Satisfactory ha già tutte le carte in regola per diventare una vera e propria mania tra gli utenti Steam. Anzi, praticamente lo è già, visto il successo riscosso ancora in questa fase preliminare: portando a nuovi livelli il bizzarro genere delle “simulazioni di fabbrica”, il nuovo gioco di Coffee Stain Studios dimostra la vera stoffa degli sviluppatori, mettendo insieme un gioco di costruzione, un gestionale sulle fabbriche, l’esplorazione in un mondo aperto e i combattimenti, riuscendo incredibilmente a far combaciare tutto in un meccanismo perfetto.

Poche cose possono dare soddisfazione come vedere una colossale fabbrica automatizzata a pieno regime, con nastri trasportatori che viaggiano tra vallate e intere montagne di marchingegni e meccanismi collegati, come dimostra Satisfactory. Tutto questo per produrre non si sa bene cosa, ma lo scopo è sfruttare le grandi risorse del pianeta alieno in cui ci troviamo per far funzionare la gigantesca fabbrica della compagnia FICSIT, dopo aver esplorato a fondo la zona e affrontato, in vario modo, le minacce presenti.

Link: Satisfactory su Steam

Risk of Rain 2


Risk of Rain 2 propone scontri con orde di nemici e anche boss
Risk of Rain 2 propone scontri con orde di nemici e anche boss

Il primo capitolo è stata una sorpresa, Risk of Rain 2 è praticamente una consacrazione: il roguelike in questo caso si è evoluto e ha raggiunto il 3D, ottenendo una maggiore profondità anche in termini di gameplay, che si è trasformato in uno sparatutto in terza persona. Nei panni di un sopravvissuto a uno schianto su un pianeta alieno, ci ritroviamo a dover combattere per sopravvivere, attraversando diverse ambientazioni e affrontando orde di nemici agguerriti. Il meccanismo si basa su una progressione costante che porta il protagonista a diventare sempre più potente, ma lo scaling dinamico dei nemici rende anche la sfida sempre più ardua, cosa che stimola un circolo vizioso nel quale è davvero molto facile cadere e rimanere invischiati. Lo sblocco di ulteriori potenziamenti e personaggi consente un’evoluzione anche al di fuori dell’implacabile dinamica da roguelike, ma è proprio nel vivo dell’azione che Risk of Rain 2 dà il meglio di sé, ed è nel continuo scontro con forse soverchianti che viene stimolato l’istinto primordiale del videogiocatore, cosa che ci porta a consigliare questo titolo a chiunque abbia voglia di un po’ d’azione.

Link: Risk of Rain 2 su Steam

Dusk


Dusk, uno scenario tra horror lovecraftiano e cultismo
Dusk, uno scenario tra horror lovecraftiano e cultismo

Gli sparatutto in prima persona sono forse il genere videoludico che ha subito la maggiore evoluzione tecnologica, pur rimanendo legati a certi stilemi fondamentali che costituiscono il genere. Come spesso accade, andando così avanti in termini evoluzionistici è emersa la necessità di tornare anche indietro, recuperando lo spirito originale di una tipologia di gioco che, nel tempo, si è confusa con altri generi ed è diventata sempre più complessa e ramificata. Dusk nasce proprio dalla volontà di andare a scavare alle radici dell’FPS ed è probabilmente uno dei migliori esponenti di questa new wave dello shooter in soggettiva classicista. Li chiamano “boomer shooter”, con un neologismo piuttosto azzeccato nel senso comune anche se per nulla corretto dal punto di vista semantico: si tratta di giochi che ritornano ai meccanismi originali dell’old school, quella di Doom e Quake, riproponendo un gameplay estremamente veloce e dinamico, oltre a un level design ben strutturato e ricco di segreti da scoprire stimolando anche l’esplorazione. Dusk unisce a tutto questo anche un’ambientazione che richiama atmosfere lovecraftiane, in un gioco che funziona sia come rievocazione nostalgica che come rinfrescane iniezione di gameplay puro.

Link: Dusk su Steam

The Procession to Calvary


The Procession to Calvary, una normale scena di gioco
The Procession to Calvary, una normale scena di gioco

Chi scrive potrebbe essere stato influenzato da una certa inclinazione per l’umorismo surreale dei Monty Python, ma The Procession to Calvary è un gioco che meriterebbe davvero più attenzione. È un’avventura grafica punta e clicca tutta ambientata all’interno di vari dipinti rinascimentali, che mette in scena la storia di una cavaliera in missione per uccidere il signore nemico del proprio regno, solo per poter placare la propria sete di sangue. Quella che sembra essere una classica quest da poema epico diventa un viaggio allucinante pieno di dialoghi brillanti, situazioni folli e blasfemie assortite, tutte filtrate attraverso l’acuta ironia di Joe Richardson, autore del gioco (e anche di Four Last Things, anche questo scontato in questi giorni su Steam e altamente consigliato). È possibile che qualcuno non apprezzi, ma è altamente probabile che molti si ritrovino invece a ridere come matti da soli di fronte allo schermo, davanti alle incredibili peripezie della sanguinaria protagonista nella sua sacra missione da killer professionista, in The Procession to Calvary.

Link: The Procession to Calvary su Steam

Altri consigliati


Neon White ci porta in uno strano mondo ultraterreno
Neon White ci porta in uno strano mondo ultraterreno

Come detto prima, fare una selezione esaustiva dei giochi meritevoli in offerta nei saldi autunnali di Steam è praticamente impossibile, anche prendendo in considerazione singoli generi o tipologie di produzione e gioco, dunque è normale che siano tanti i titoli che restano fuori dall’elenco. Qui ci limitiamo a riportare vari altri giochi che consigliamo e che non abbiamo approfondito singolarmente perché magari non rappresentano, al momento, delle offerte particolarmente allettanti. Neon White, per esempio, è sicuramente uno dei migliori giochi usciti quest’anno, ma la variazione di prezzo è quasi impercettibile. Allo stesso modo, Vampire Survivors è forse la più potente droga videoludica che è possibile sperimentare in questo momento, ma vale semplicemente la pena acquistarlo anche al suo prezzo standard a prescindere dai saldi. Supraland, action adventure un po’ in stile Zelda, è un altro che avrebbe meritato spazio, così come l’allucinante TABS: Totally Accurate Battle Simulator, in grado di usare la fisica sballata per far ridere, ma inserendola in una struttura di gioco strategica piuttosto ragionata. Anche Weird West si trova al momento disponibile con un interessante sconto del 50% che lo rende molto interessante, oltre a Deep Rock Galactic e Death’s Door che si trovano entrambi sotto i 10 euro, al momento.

Steam, saldi d’autunno: le piccole perle da non perdere