Film anni ’90: tutti i migliori titoli da vedere

Film anni'90

Se gli anni Ottanta sono stati caratterizzati dal ritorno del dominio dei grandi studios di produzione, nonché dalla realizzazione dei grandi blockbuster, gli anni Novanta hanno portato ancor più all’estremo questa tendenza a realizzare film estremamente ambiziosi capaci di affermarsi come campioni di incassi. Allo stesso tempo, però, si è sempre più affermato anche il concetto di cinema indipendente, esistente da sempre ma che ha trovato in questo nuovo decennio le possibilità di affermarsi in modo più netto, grazie in particolare all’entrata in scena di nuovi registi ricchi di idee nuove e grande voglia di sperimentare. Per orientarsi in questi anni complessi del cinema, ecco un elenco dei migliori film anni ’90 da vedere:

Migliori film anni ’90 americani da vedere

Film anni'90 americani

Come anticipato, gli anni Novanta si sono più che mai caratterizzati per opere molto diverse tra loro, da grandi blockbuster ricchi di effetti speciali a film indipendenti che esulano dai canoni hollywoodiani, passando ovviamente per importanti film d’autore affermatisi tra i più grandi capolavori della storia del cinema. Ecco i migliori film anni ’90 americani da vedere:

  • Quei bravi ragazzi (1990). Un americano di origini italo irlandesi fa carriera nella mafia newyorchese degli anni 50, ma la vita da gangster riserva delle sorprese non previste. Martin Scorsese dirige Ray Liotta, Robert De Niro e Joe Pesci in questo film definitivo sul mondo dei gangster. Un racconto che compre un ampio arco temporale e che offre nuovi punti di vista sull’argomento.
  • Edward mani di forbice (1990). Un ragazzo, che si ritrova con delle lame di forbice al posto delle mani, rimane solo dopo la morte dello scienziato che lo ha creato, ma una famiglia lo adotta. La gente del paese lo evita a causa della sua diversità, ma questo non gli impedisce di trovare l’amicizia di una famiglia. Tim Burton realizza una delle sue favole più belle, qui alla sua prima collaborazione con Johnny Depp. Un’opera ricca di emozioni, visivamente straordianaria.
  • Terminator 2 – Il giorno del giudizio (1991). Il figlio di Sarah Connor, futuro capo della resistenza del genere umano contro le macchine, è nel mirino di un assassino indistruttibile proveniente dal futuro. Un vecchio modello di Terminator, però, è pronto ad aiutarlo. James Cameron realizza il sequel di Terminator, superandosi in ambizioni e risultato. Il giorno del giudizio è un capolavoro di tecnica e cuore, ancora oggi insuperato.
  • Gli spietati (1992). Un anziano pistolero, il suo ex partner e un giovane avventuriero si mettono sulle tracce di alcuni uomini, finendo coinvolti in uno scontro più pericoloso del previsto. Clint Eastwood si consacra come autore cinematografico con questo western crepuscolare, un’opera che rappresenta un momento di passaggio fondamentale per il genere che lo ha reso celebre. Premiato con l’Oscar al miglior film.
  • Schindler’s List (1993). La vera storia di Oscar Schindler, un industriale tedesco che, mettendo a rischio la propria vita e la propria carriera, riesce a salvare migliaia di ebrei da un tragico destino. Steven Spielberg realizza con questo film il suo capolavoro, un’opera attesa e pensata a lungo, attraverso cui ripercorrere una storia tanto dolorosa quanto importante. Ancora una volta nel suo cinema, chi salva una vita salva il mondo.
  • Jurassic Park (1993). Due paleontologi e un matematico sono tra le persone selezionate per partecipare a un giro organizzato a un parco a tema. Quando i dinosauri si animano e prendono il sopravvento, però, la visitasi trasforma presto in un incubo. Steven Spielberg porta i dinosauri sul grande schermo grazie alle prodezze della CGI. Il senso di meraviglia suscitato da questo film è ancora oggi unico.
  • Pulp Fiction (1994). Un killer si innamora della moglie del suo capo, un pugile rinnega la sua promessa e una coppia tenta una rapina che va rapidamente fuori controllo. Le loro storie si intrecceranno in modi impensabili. Con la sua opera seconda, Quentin Tarantino scrive una nuova pagina nella storia del cinema, offrendo nuove possibilità narrative ed estetiche.
  • Forrest Gump (1994). Seduto sulla panchina alla fermata dell’autobus di Savannah, Forrest Gump racconta con voce lenta della propria incredibile vita e dei problemi mentali e fisici che si porta dietro dalla nascita. Tom Hanks si consacra definitivamente grazie a questo film vincitore di diversi premi Oscar. Un film epico, tra i più amati del decennio.
  • Le ali della libertà (1994). Andy Dufresne viene condannato, benché innocente, a due ergastoli e al carcere duro. In prigione stringe amicizia con Red, sperimenta la brutalità della vita dietro le sbarre, si adatta, e vive 19 anni sognando la libertà. Tim Robbins e Morgan Freeman recitano in questo grande classico basato su un racconto di Stephen King. Un film sul carcere come pochi altri ne sono stati realizzati.
  • Toy Story (1995). La vita di Woody, un cowboy giocattolo e pupazzo preferito del suo piccolo padrono, è minacciata dall’arrivo di Buzz Lightyear, un nuovo robot colorato e pieno di luci. Toy Story è probabilmente il più importante film d’animazione del decennio, avendo rappresentato non solo il progresso delle tecnologie digitali ma avendo contribuito alla riqualificazione dell’animazione agli occhi del mondo intero.
  • Heat – La sfida (1995). Uno sfuggente maestro del crimine e la propria banda effettuano una serie di furti ad alto profilo, uno dei quali culmina in tre morti. L’uomo conosce un detective della omicidi e si sfidano, fino all’ultimo scontro finale.  Al Pacino e Robert De Niro si incontrano sul grande schermo grazie a Michael Mann, il quale dirige un thriller tra i migliori mai realizzati, ricco di ricerche introspettive ed esistenziali.
  • Titanic (1997). Il transatlantico Titanic, considerato un gioiello tecnologico ed il più lussuoso piroscafo da crociera mai realizzato, salpa dall’Inghilterra il dieci aprile del 1912 con oltre 1500 passeggeri a bordo per il suo viaggio inaugurale. I viaggiatori sono collocati in tre classi, riflesso delle differenze sociali. James Cameron dirige Leonardo DiCaprio e Kate Winslet in questo capolavoro vincitore di 11 premi Oscar, straordinario per ambizioni ed effetti speciali.
  • Will Hunting – Genio ribelle (1997). Will è un ventenne genio della matematica che lavora nelle pulizie e ha piccoli precedenti penali. Grazie all’aiuto di un terapista e di una ragazza, riuscirà a fare i conti con il oroprio passato e a sfruttare il proprio talento. Uno dei film più belli del decennio, un atipico coming of age interpretato da Matt Damon e Robin Williams, incentrato su temi come il senso di colpa, la paura dei rapporti umani e il desiderio di riscatto.
  • Salvate il soldato Ryan (1998). Nei giorni seguenti lo sbarco in Normandia, una madre americana sta per ricevere nello stesso giorno la notizia della morte di tre dei suoi figli su diversi fronti della guerra. Il comandante in capo generale Marshall dà ordine che il quarto fratello, Ryan, sbarcato in Normandia, venga rintracciato e portato a casa. Steven Spielberg si conferma re indiscusso degli anni Novanta con questo ennesimo capolavoro, fondato sull’importanza della salvezza dell’umanità.
  • La sottile linea rossa (1998). Il dramma della Seconda Guerra Mondiale vissuto dal punto di vista di una pattuglia di soldati americani giunti sull’isola di Guadalcanal. Il leggendario regista Terrence Malick torna al cinema dopo decenni d’assenza con quest’opera intrisa di filosofia e con un cast di grandi attori come Sean Penn, George Clooney, Adrien Brody e Jim Caviezel.
  • The Truman Show (1998). Truman Burbank scopre che i primi trent’anni della propria vita non sono stati altro che una messinscena. Inizia così a desiderare di fuggire da una realtà alienante che però sembra essere stata costruita su misura per lui. È se la realtà che viviamo non fosse altro che una messa in scena? La visione di questo iconico film con Jim Carrey ha suscitato in tutti questa domanda. The Truman Show è un film che ancora oggi parla di noi e della nostra società.
  • Matrix (1999). Esistono due realtà: una è l’esistenza che conduciamo ogni giorno, l’altra è nascosta. Neo vuole scoprire la verità su Matrix, mondo virtuale elaborato al computer creato per tenere sotto controllo le persone. Morpheus potrebbe aiutarlo. Matrix ha riscritto le regole del suo genere di riferimento, offrendo una visione nuova del mondo sempre più digitale in cui si stava all’epoca appena entrando. Keanu Reeves è l’eletto, protagonista di un film imprescindibile.
  • American Beauty (1999). Lester Burnham è un marito infelice che trascorre le giornate all’insegna della monotonia. Quando incontra Angela, amica adolescente di sua figlia, la sua vita cambia completamente. Uno dei film più importanti del decennio, interpretato da Kevin Spacey, che grazie al ruolo di Lester Burnham vinse il suo secondo Oscar. È questa un’opera impegnata ad offire l’altro volto della felice famiglia borghese statunitense.
  • Essere John Malkovich (1999). Un burattinaio e un’impiegata scoprono un tunnel che permettedi entrare mente e il corpo di John Malkovich per 15 minuti alla volta. Un altro esempio di film che, sul finire del secolo, porta verso nuovi orizzonti le possibilità del cinema. Spike Jonze dà vita ad una sceneggiatura di Charlie Kaufman incentrata sul concetto di identità, di celebrità e sui rapporti umani.
  • Fight Club (1999). Tyler Durden ed un nuovo amico sfogano la loro aggressività creando un club di combattimento, che assume rapidamente connotati rivoluzionari, fino a esporre la vera identità di Tyler Durden. David Fincher dirige Brad Pitt ed Edward Norton in questo film che, sul finire del secolo, ha contribuito alla ridefinizione di cinema post-moderno, affrontando tematiche e proponendo stili in modi del tutto inediti.

Film anni ’90 thriller

Film anni'90 thriller

Se c’è un genere che ha avuto grande importanza negli anni ’90, questo è il thriller. Nel corso di questo decennio si sono infatti viste sul grande schermo opere di questo genere macchiate anche dal soprannaturale, dall’erotico e dall’azione, ma sempre incentrate su situazioni pericolose e con personaggio quanto mai indecifrabili. Ecco quali sono i film anni ’90 thriller da non perdere:

  • Il silenzio degli innocenti (1991). Uno psicopatico assassino è il terrore di giovani donne formose che aggredisce e scuoia. Solo Hannibal Lecter può aiutare a risolvere il caso, ma è detenuto in cella di isolamento in un manicomio criminale, essendo diventato uno psicopatico cannibale. Una giovane aspirante agente dell’FBI, Clarice Starling, prima ancora di completare il suo addestramento viene incaricata di contattare Lecter, per averne lumi intesi ad individuare e fermare il mostro. Anthony Hopkins e Jodie Foster sono i protagonisti di questo grande classico premiato agli Oscar.
  • Basic Instinct (1992). Il detective Nick Curran sta indagando su un omicidio. L’arma del delitto è un punteruolo da ghiaccio e la principale sospettata è la scrittrice di successo Catherin Tramell. Nel corso delle indagini l’uomo intraprende anche una relazione con la donna. Sharon Stone ottiene fama mondiale grazie a questo thriller erotico divenuto un cult senza tempo.
  • Seven (1995). Un anziano ed esperto detective vicino alla pensione viene affiancato da un giovane e irruento collega per indagare su un serial killer specializzato nei sette peccati capitali. David Fincher ottiene le meritate attenzioni grazie a questo thriller con Brad Pitt e Morgan Freeman. Quando si pensa ad un esempio di questo genere degli anni ’90, Seven è il primo nome che viene alla mente.
  • Mission: Impossible (1996). Ethan Hunt, un agente segreto ingiustamente accusato della morte di tutti gli agenti della sua squadra, sfugge ai killer del governo, penetrando negli archivi della CIA. Primo capitolo della saga attiva ancora oggi, questo film diretto da Brian De Palma e con protagonista Tom Cruise è un avvincente thriller d’azione ricco di suspence e adrenalina.
  • Il sesto senso (1999). Malcolm è uno psicologo infantile molto stimato e si trova doversi occupare del caso del piccolo Cole, un ragazzino di nove anni, ossessionato da spaventose apparizioni di spiriti. Bruce Willis è il protagonista di questo grande classico del thriller soprannaturale. Il sesto senso è stato per il suo regista, M. Night Shyamalan, la definitiva consacrazione come maestro del genere.

Film anni ’90 commedia

Film anni'90 commedie

Un altro genere tra i più popolari degli anni ’90 è quello della commedia, che grazie a nuovi registi e attori si è caratterizzato per storie nuove, che hanno spinto sempre più in territori demenziali, dissacranti e irriverenti. Gli anni Novanta hanno davvero fatto morire dalle risate il grande pubblico ed ecco i migliori film anni ’90 commedia da non perdere:

  • Mrs. Doubtfire (1993). Divorziato dalla moglie e impossibilitato a vedere i propri figli, un uomo decide di travestirsi da domestica per stare vicino a loro. Toccante film interpretato da Robin Williams, nei panni di uno dei padri migliori mai visti sul grande schermo. Si affronta qui il tema del divorzio e della genitorialità in una chiave divertente, che sa però trasmettere anche forti emozioni e grandi riflessioni.
  • Scemo & più scemo (1994). Due amici disoccupati, Lloyd e Harry, si trovano coinvolti in una avventura demenziale originata da una valigetta smarrita piena di dollari. Jim Carrey e Jeff Daniels recitano da protagonisti in questa popolarissima commedia anni ’90, un titolo che ha poi consacrato Carrey come re della commedia demenziale (e non solo) statunitense.
  • Il professore matto (1996). Il professor Sherman Klump è considerato da tutti il migliore del campus. Il suo unico problema è l’esagerata obesità. Per risolvere la questione inventa una formula che gli consente di perdere peso. Eddie Murphy si sdoppia per interpretare più personaggi di questo iconico film, tanto dissacrante quanto divertente, con scene e battute entrate nell’immaginario collettivo.
  • Tutti pazzi per Mary (1998). Dopo averla persa di vista per anni, il goffo e impacciato Ted, decide di ritrovare la donna della sua vita, Mary. Quel che Ted non sa, però, è che la concorrenza è numerosa e spietata. Ben Stiller, Cameron Diaz e Matt Dillon recitano in questa popolarissima commedia diretta dagli esperti del genere Peter e Bobby Farrelly.
  • American Pie (1999). Jim, Kevin, Paul e Chris sono quattro amici che stanno per diplomarsi al liceo e sono ossessionati dalla loro verginità. Dopo un’altra festa passata in bianco, decidono di stringere un patto di reciproco aiuto al fine di fare sesso prima della fine dell’anno scolastico. L’ultima occasione è la festa a casa di Stifler in riva al lago, dove tutti si recano dopo il ballo di fine anno. Commedia campione d’incassi nonché primo capitolo di una lunga saga, American Pie è un film tanto divertente quanto scorretto, dissacrante ed emozionante.

Film anni ’90 romantici

Film anni'90 romantici

Tra i generi cinematografici più popolari degli anni ’90 vi è senza dubbio quello della commedia romantica. Sono in quegli anni stati realizzati infatti titoli caratterizzati da sceneggiature brillanti, interpretati da grandi attori e con vicende amorose mai banali e sempre coinvolgenti. Ecco quali sono i film anni ’90 romantici da non perdere:

  • Pretty Woman (1990). Dietro l’aspetto affascinante e una solida fama di rubacuori, Edward Lewis nasconde un’abilità straordinaria e senza scrupoli nel campo della finanza. La sua specialità è comprare aziende dissestate, risanarle e rivenderle a caro prezzo. Una sera, a Hollywood, conosce casualmente Vivian Ward, una prostituta. Lei ha bisogno di soldi e lui di una donna che lo accompagni nei suoi pranzi di lavoro. Per i due è l’inizio di un’inaspettata storia d’amore. Richard Gere e Julia Roberts recitano in questo film che non ha bisogno di presentazioni. Semplicemente un grande classico.
  • Insonnia d’amore (1993). Jonah ricorre a un programma radiofonico per trovare una compagna al padre, vedovo inconsolabile. Nell’ascoltare la trasmissione, una giornalista si commuove e gli scrive una lettera. Tom Hanks e Meg Ryan recitano per Nora Ephron in una delle commedie romantiche più iconiche degli anni ’90, che ha il merito di aver contribuito a rendere grande questo genere nel corso del decennio.
  • Qualcosa è cambiato (1997). Una cameriera di New York City, un pittore gay e un cane aiutano uno scrittore misantropo e ossessivo compulsivo a raggiungere un compromesso con se stesso. Film premiato agli Oscar, Qualcosa è cambiato è un’atipico racconto d’amore, con un Jack Nicholson straordinario nei panni di un uomo cinico che si apre piano piano a dei sentimenti nei confronti di una donna, interpretata da Helen Hunt.
  • C’è posta per te (1998). John e Kathleen sono rivali in affari: lui è proprietario di una catena di negozi di libri, lei di una piccola libreria per bambini. I due intrecciano una relazione su un sito di incontri al quale sono iscritti mantenendo l’anonimato. Tom Hanks e Meg Ryan tornano a recitare insieme per Nora Ephron in quest’altro grande classico del cinema romantico anni ’90. Una sceneggiatura brillante guida due attori in stato di grazia.
  • Notting Hill (1999). A Notting Hill il timido William è proprietario di un negozietto di libri dove un giorno entra Anna, diva di Hollywood, e tra i due scatta il colpo di fulmine. Julia Roberts e Hugh Grant sono i protagonisti di un’altra delle più celebri e amate commedie romantiche degli anni Novanta. Un film dove l’amore supera ogni differenza.

Film anni ’90 per ragazzi

Film anni'90 per ragazzi

Il cinema per ragazzi ha conosciuto negli anni Ottanta importanti rivoluzioni. Negli anni ’90 queste sono poi proseguite estendendosi anche a generi e racconti molto diversi tra loro. Il cosiddetto “film per famiglie” ha infatti trovato nel corso di questo decennio grande fortuna grazie a titoli campioni di incassi divenuti con il tempo grandi classici. Ecco allora i migliori film anni ’90 per ragazzi:

  • Mamma ho perso l’aereo (1990). Il piccolo Kevin viene lasciato in casa da solo a Natale e deve difendere l’abitazione da due malintenzionati che vogliono entrare. Per farlo impiega tutta la sua astuzia ed una serie apparentemente interminabile di trappole e di espedienti mirati a far desistere i due malcapitati ladri. Uno dei maggiori successi del decennio nonché uno dei film più iconici degli anni ’90. Mamma ho perso l’aereo è un film che tutti hanno visto almeno una volta.
  • La vita è un sogno (1993). Texas, 1976: è l’ultimo giorno di scuola e un gruppo di ragazzi da sfogo ai propri desideri organizzando una festa memorabile. Un racconto corale dove ciascuno dei protagonisti vive uno dei momenti più importanti nell’esistenza di ognuno, ossia il passaggio all’età adulta. Richard Linklater si fa cantore di un’intera generazione, ritraendola nel pieno della loro giovinezza, spensieratezza e gioia di vivere. La vita è un sogno esula dai canoni del film hollywoodiano per dar vita ad un flusso di situazioni, personaggi ed emozioni.
  • Ragazze a Beverly Hills (1995). Cher, la ragazza più popolare del liceo, cerca di far innamorare due insegnanti. Entusiasta del successo ottenuto, prova a fare lo stesso con due dei propri amici, ma i risultati non sono quelli sperati. Alicia Silverstone è la protagonista di questo classico per ragazzi anni ’90, un film che ha fatto scuola.
  • Jumanji (1995). Due bambini scoprono un magico gioco da tavolo nella loro soffitta. Mentre giocano, evocano animali feroci e un uomo pazzo, Alan, scomparso ventisei anni prima durante una partita. L’avventura è per loro appena iniziata. Altro grande classico degli anni ’90, Jumanji è in particolare ricordato per la sua atmosfera tra il cupo e il comico, ma ovviamente anche per la presenza dell’iconico Robin Williams.
  • Space Jam (1996). MIchael Jordan va in soccorso di Bugs Bunny e dei suoi amici che hanno bisogno di lui per vincere una partita di basket contro i malvagi Nerdluks, una banda di piccole e irritabili creature provenienti dallo spazio. Un cult per ragazzi degli anni ’90, rimasto memorabile tanto per l’uso della tecnica mista quanto per la presenza di un’icona come Michael Jordan nei panni di sé stesso.

Film anni ’90 su Netflix

Film anni'90 su Netflix

Nei cataloghi delle piattaforme streaming oggi disponibili si possono ritrovare, oltre a titoli a noi più vicini nel tempo, anche opere meno recenti, spesso sconosciute ma meritevoli di essere riscoperti. Questi film permettono infatti di entrare in contatto con mondi cinematografici oggi non più in vigore ma che hanno sempre molto da insegnare. Ecco allora i migliori film anni 90 in streaming su Netflix:

  • Dracula di Bram Stoker (1992). Il conte Dracula, colpito da una maledizione che lo costringe a nutrirsi del sangue degli esseri viventi in cambio della vita eterna, è determinato a riunirsi con la propria amata. Per raggiungere i propri scopi, si reca a Londra. Francis Ford Coppola realizza il proprio adattamento del celebre romanzo di Bram Stoker, con Gary Oldman nel ruolo del leggendario vampiro. Un film tanto ricco di emozioni quanto affascinante a livello estetico.
  • The Game (1997). Uno spento uomo d’affari di mezza età, si fa convincere dal fratello minore ad iscriversi in un club che organizza giochi tanto realistici che lo faranno precipitare in un incubo senza fine. David Fincher realizza un nuovo thriller d’alto livello con protagonista Michael Douglas, dando vita ad un vero e proprio gioco mentale che sfida tanto i personaggi quanto lo spettatore.
  • The Jackal (1997). Il geniale killer “The Jackal” viene reclutato dalla mafia russa per uccidere una figura di altissimo livello della politica americana. Il prezzo pattuito è di settanta milioni di dollari. Richard Gere e Bruce Willis recitano in questo teso thriller anni ’90, liberamento tratto dal romanzo Il giorno dello sciacallo.
  • Il grande Lebowski (1998). Drugo è un disoccupato giocatore di bowling rimasto legato agli anni Settanta, che si trova coinvolto in un doppio complotto per un puro caso di omonimia. Cult diretto da Joel ed Ethan Coen, il film è reso memorabile in particolare dall’iconica interpretazione di Jeff Bridges nei panni di Jeffrey Lebowski.
  • Ragazze interrotte (1999). Una giovane donna con un disturbo di personalità borderline, passa diciotto mesi in un istituto psichiatrico alla fine degli anni 60. Qui conosce le altre pazienti, tra cui Lisa, una ragazza con cui stringerà una forte amicizia. James Mangold dirige Winona Ryder e Angelina Jolie in questo dramma biografico, basato sulle memorie della scrittrice Susanna Kaysen.

Film anni ’90: tutti i migliori titoli da vedere